Corsi

 
 

Napoli – EDITORIA

0

Napoli, 1 febbraio – 7 giugno 2017
(21ª edizione corso di formazione)

Editoria e Comunicazione.
Ruoli redazionali
L’addetto ufficio stampa
Il mestiere del libraio

 

Siamo in un periodo di grandi cambiamenti per il mercato editoriale e librario in Italia, e chi ambisce ad avere un ruolo nel settore ha necessariamente bisogno di dotarsi degli strumenti adeguati per sfruttare al meglio gli spazi e le opportunità di questa fase. L‟avvento del libro in formato elettronico, la crisi del settore degli ultimi anni, la concentrazione dei grandi gruppi distributivi sono solo alcuni dei temi fondamentali da affrontare.

La 21ª edizione del corso di formazione editoriale “Editoria e comunicazione. Ruoli redazionali, l’addetto ufficio stampa e il mestiere del libraio” è rivolta a tutti coloro che intendono operare nel settore dell’editoria sia in qualità di figure prettamente redazionali e quindi legate al processo di costruzione del testo (correttori di bozze, redattori,consulenti letterari), sia in qualità di figure legate al mondo della comunicazione in tutte le sue diramazioni (addetti ufficio stampa), sia figure più specifiche del mondo della libreria, della vendita e dell’organizzazione eventi.

Il corso sarà introdotto da 4 lezioni teoriche che forniranno indicazioni precise e puntuali del mondo dell’editoria in tutte le fasi di elaborazione e costruzione del libro.

La partecipazione al corso può essere riconosciuta, su domanda del corsista, come “attività libera formativa a scelta dello studente” e come tirocinio o stage.

Il corso è a numero chiuso: si seguirà un ordine di iscrizione fino a esaurimento posti. Non è richiesto alcun requisito preliminare.

Tutte le lezioni del corso si svolgeranno dalle h17.00 alle h19,00.

 

LEZIONI INTRODUTTIVE

 

  • Che cos’è una casa editrice

Ruoli e funzioni; il progetto editoriale; il lavoro redazionale ; la promozione commerciale.

  • Che cos’è un ufficio stampa

Il linguaggio della comunicazione, gli strumenti di lavoro; gli eventi; i canali della pubblicità; il rapporto con i media.

  • Orientamento al lavoro editoriale, di comunicazione e all’interno delle librerie

L’editoria del territorio; storia, attività, sbocchi occupazionali.

 

Le prime 4 lezioni (1, 2, 8, 9 febbraio) termineranno giovedì 9 febbraio e saranno seguite da tutti i partecipanti.

Seguiranno subito dopo i 3 laboratori specifici. Ciascuno di essi  verterà essenzialmente su esercitazioni pratiche: continue saranno le prove scritte e orali, in classe e a casa, che serviranno a immergere il corsista in un ambiente e in un lavoro quanto più simile possibile a quello professionale.

LABORATORIO A: “Il mestiere del libraio” (totale ore: 16)
LABORATORIO B: Il lavoro redazionale”    (totale ore:20)
LABORATORIO C:
Lavorare nella comunicazione. L’addetto ufficio stampa (totale ore: 16)

I laboratori sono a numero chiuso per un massimo di 18 partecipanti

 

PROGRAMMA DEI SINGOLI LABORATORI

 

LABORATORIO A. IL MESTIERE DEL LIBRAIO

(ogni martedì: 14 febbraio – 21 febbraio – 28 febbraio – 7 marzo – 14 marzo- 21 marzo – 28 marzo – 4 aprile)

Il corso nei primi moduli mira – attraverso concetti specifici e nozioni statistiche di ultima elaborazione – a fornire ai partecipanti le chiavi per l‟analisi del mercato del libro in Italia. Per muoversi al meglio nello scenario della geografia‟ delle librerie italiane verranno esaminati e classificati casi esemplari di libreria. Particolare attenzione verrà data alla apparente dicotomia tra libreria di catena e libreria indipendente. Verranno inoltre esaminati i problemi e le specificità nella distribuzione in Italia: non ultimi i casi dei clamorosi accorpamenti distributivi che si sono verificati nell‟ultimo periodo. Non sarà sottovalutata l‟analisi del ruolo di quello che negli ultimi anni è stato il grande spauracchio: l’ebook. Parimenti, in maniera costante ma silente, le quote di vendita di libri on-line continuano a salire, grazie alla continua e inesorabile penetrazione del web nel mercato tradizionale. Infine, sul piano delle prospettive occupazionali, verranno portati a esempio casi in cui la formazione professionale o l‟esperienza diretta in libreria abbiano condotto a situazioni lavorative stabili: in questo senso sarà fatta una carrellata delle scuole di librai e delle migliori forme di investimento formative possibili, e che effettivamente conducono verso possibilità professionalmente soddisfacenti nel settore. 

Modulo introduttivo: la libreria e il mercato del libro

  • La libreria e la storia del mercato editoriale in Italia negli ultimi anni: un‟introduzione
  • Definizione di libreria e sue possibili classificazioni: un grafico esemplificativo
  • Librerie di mercato, di servizio, di catena e indipendenti: caratteristiche, differenze e eccezioni
  • Il mercato del libro attuale e potenziale: la domanda o Quanti lettori – e quanti acquirenti di libri – ci sono in Italia?
  • La produzione editoriale: l‟offerta o Quanti libri e quanti editori ci sono in Italia?
  • Conclusioni: nonostante tutto la libreria è ancora il luogo centrale per l‟incontro tra domanda e offerta

 

Il libro e il lettore: un incontro possibile

  • Dove si vendono i libri: un dato sorprendente solo in apparenza
  • I vari competitor sul mercato: i dati per orientarsi
  • Cosa si vende in libreria: una domanda con tante risposte
  • Il libro: le sue vesti, la sua vita, le sue versioni, le nuove tendenze
  • Libri cartonati e tascabili, formati nuovi, presunti tali, elettronici e virtuali
  • Conclusioni: l‟incontro fra domanda e offerta non è scontato, sta al libraio renderlo possibile

 

I gruppi editoriali, la distribuzione e il ruolo del libraio

  • Gruppi editoriali: chi pubblica cosa?
  • I Cinque Grandi Gruppi che comandano l‟editoria in Italia
  • E le restanti migliaia di editori come si comportano?
  • Una tendenza interessante: l‟editoria per ragazzi

 

La distribuzione: come ci arriva un libro in libreria?

  • Distributori, catene, agenti e grossisti o Il libro che non transita in libreria: la vendita on line
  • La scontistica e le campagne sconti: la legge Levi del 2011
  • Conclusioni: in qualunque mercato possibile il ruolo del libraio è sempre centrale

 

La libreria: cosa deve avere – e cosa non deve avere – per funzionare

  • Gruppi diversi hanno stili diversi, che a loro volta sono diversi dalle librerie indipendenti
  • Il cliente e l‟ambiente libreria: rendere tutto accattivante
  • La vetrina e la porta di ingresso: una grande risorsa o un‟arma a doppio taglio
  • L’atmosfera interna: i colori, la musica, le luci e… il libraio o Il layout e le sue possibili varianti: scaffali, pedane, espositori e altre stranezze
  • Il display dei libri e le filosofie che ci sono dietro o Il tempo di permanenza in libreria del cliente
  • La sequenza (e la divisione!) dei reparti
  • Conclusioni: non esiste la libreria perfetta… c’è sempre qualcosa da migliorare

 

Vedere di cosa si parla: in visita alla Libreria Ubik di Napoli

  • Ubik: un franchising sui generis o una rete di librerie indipendenti?
  • Gli stimoli del territorio: come conta la collocazione “geografica”
  • Il valore aggiunto del libraio e l‟ambiente di lavoro
  • La parola al libraio: incontro con Gianluigi Mautone
  • Conclusioni: il lavoro in libreria è serietà e modi informali, professionalità e accoglienza

 

Una tendenza interessante: l’editoria per ragazzi

  • Non tutta l‟editoria per ragazzi è uguale!
  • Libri per bambini che strizzano l‟occhio ai genitori: grandi illustratori e nuove tendenze
  • Un‟eccellenza di cui andare fieri: il caso Nati per Leggere in Campania
  • Conclusioni: l‟importanza di fare rete per la promozione di iniziative intorno ai libri per bambini

 

Gli eventi e le attività fuori e dentro la libreria

  • Gli elementi “esogeni”: premi, mode, film tratti da romanzi e trasmissioni televisive
  • I premi letterari: dal Bancarella allo Strega all‟Andersen, passando per il Pulitzer
  • Le fiere, i saloni, Roma, Torino e Mantova: pro e contro dei grandi eventi intorno al libro
  • Gli interventi istituzionali a sostengo del libro

 

Uno sguardo alle possibili attività in libreria: i librai creativi e innovativi

  • Nel nostro piccolo: le presentazioni, le mostre, i concerti, i gruppi di lettura, i book corner
  • Conclusioni: molto si muove ancora intorno al libro, e altre novità sono attese per il 2017!

 

L’economia della libreria e le prospettive occupazionali

  • Provo a fare il libraio o apro la mia libreria? E in entrambi i casi… da dove comincio?
  • La mia libreria: uno sguardo ai possibili scenari
  • Indipendente, specializzata o franchising? E quale franchising?
  • I software e gli strumenti utili: Arianna e le contaminazioni col web o L‟economia e qualche concetto base: la fiscalità, il ROE e l‟indice di rotazione
  • Fare il libraio: le scuole per diventare librai, fare esperienza in libreria, qualche testimonianza.
  • Conclusioni: librai non ci si improvvisa, ma si può imparare in fretta ed è una professionalità unica

 

Lavorare in libreria: gli aspetti psicologici dell’interazione quotidiana

  • Il benessere lavorativo in libreria
  • Il contatto con il pubblico: la vendita e lo stress lavoro-correlato
  • L‟organizzazione verticale e orizzontale: i ruoli ed il rischio di una “diffusione di responsabilità”
  • Gli elementi organizzativi efficaci e quelli disfunzionali
  • Conclusioni: il clima che si respira in libreria è un ostacolo o un vantaggio per la produttività?

 

Trovare l’evento giusto per ogni libreria                                                                                       

Come si organizza un evento in libreria: pianificazione, contatto, calendarizzazione, realizzazione

 

LABORATORIO B.  IL LAVORO REDAZIONALE

(ogni mercoledì: 8 marzo – 15 marzo – 22 marzo – 29 marzo – 5 aprile – 12 aprile – 19 aprile 26 aprile;+ un sabato dalle 10,00 alle 14,00)

La lavorazione dei testi e la loro preparazione per la stampa è affidata alla redazione, il cuore pulsante di qualsiasi casa editrice, costituita da un caporedattore, redattori e revisori di opere tradotte e correttori di bozze. E’  qui che si procede alla rilettura e al controllo del testo, alla sua uniformazione (in base alle norme redazionali) e impaginazione (in base alla gabbia e alle norme specifiche di ogni collana). Benché sulle prime possa sembrare un lavoro meccanico, al buon redattore si richiedono competenze culturali, di scrittura, tecnico-editoriali (convenzioni nell’uso dei caratteri di stampa e nell’impaginazione, norme di legge sulla stampa) e tecnico-grafiche (nozioni sui processi produttivi). In quanto responsabile della coerenza generale della pubblicazione e dell’ordine di un testo, deve padroneggiarne tutti gli aspetti, dalla sua scansione gerarchica interna in più sezioni alla correttezza dei vari marcatori tipografici, dalle eventuali incongruenze e discontinuità agli errori di trascrizione grafica o di traduzione, passando per ripetizioni, cacofonie, periodi poco chiari, punteggiatura scorretta e un’infinità di varianti affini che possono essere scovate soltanto grazie alla sua precisione, sensibilità e buon senso.

In questo laboratorio verranno esaminate e analizzate le varie fasi di elaborazione, correzione e riscrittura dei testi prima della stampa. Si concetrerà l’attenzione sulla differenza che c’è tra redattore e il correttore di bozze, e il corsista sarà immerso nel vivo del lavoro redazionale, attraverso soprattutto continue esercitazioni che riguardano le varie fasi di riscrittura e correzione del testo.

  • L’analisi e la gestione editoriale dei testi
  • La lettura del testo, criteri di valutazione e il parere del consulente
  • Le fasi di lavorazione prima della pubblicazione
  • I contenuti e lavoro di perfezionamento del testo: e l’editing: lettura, riscrittura e revisione del testo
  • Diversi livelli di editing e diversi tipi di intervento sul testo: l’editing formale e l’editing sostanziale
  • L’intervento tecnico-formale: la correzione di bozze e i suoi simboli
  • Regole per l’editing e la correzione di bozze
  • Cenni di impaginazione e costruzione degli ebook

 

Esercitazioni:

  • i segni del correttore: la correzione di bozze
  • le varie modalità di riscrittura del testo: l’editing
  • la scheda di valutazione

 

 

LABORATORIO C. LAVORARE NELLA COMUNICAZIONE.
L’ADDETTO UFFICIO STAMPA

(ogni lunedì: 27 marzo – 3 aprile – 10 aprile – 8 maggio – 15 maggio – 22 maggio – 29 maggio – 5 giugno)

 

L’addetto stampa è una figura che si interfaccia con il complesso mondo giornalistico, dalla televisione ad internet, dalla radio alle agenzie di stampa, dai quotidiani ai settimanali di opinione, fino ai mensili o alle riviste di settore, per promuove e divulgare notizie. Il laboratorio di comunicazione si prefigge di dare un’ampia e chiara visione sulle opportunità di questo mestiere presentandone le differenziazioni  delle applicazioni professionali  e le diverse realtà dei Media a cui fa riferimento.

Programma

L’ADDETTO STAMPA: Chi è e che cosa fa

  • La figura e le categorie dell’addetto stampa:
  • L’addetto stampa istituzionale
  • L’addetto stampa freelance
  • L’addetto stampa aziendale

 

Gli strumenti di lavoro:

  • Aggiornamento della mailing:
  • Identificazione dei soggetti ai quali è diretta la notizia
  • Stesura comunicati stampa
  • Organizzazione di una  conferenza stampa
  • Realizzazione della rassegna stampa
  • Allestimento sale stampa per eventi

 

Il rendiconto dell’addetto stampa: la rassegna stampa

  • Per l’addetto stampa e per il cliente

 

L’intervista: da chi viene richiesta?

  • Dal giornalista
  • Di persona
  • Telefonica
  • Per radio o televisioni

 

La conferenza stampa

  • I compiti dell’addetto stampa durante una conferenza
  • Come e’ strutturata la conferenza stampa
  • Cosa verificare quando si organizza una conferenza stampa
  • I materiali informativi
  • Allestimento sale stampa per eventi
  • Sala stampa virtuale

 

Il comunicato stampa

  • Come si scrive
  • A chi si invia?

 

L’addetto stampa e i media

  • Il giornalismo in televisione e in radio
  • Agenzie e settimanali di opinione
  • Quotidiani e riviste specializzate
  • Internet e web
  • Pubblicità e pubbliredazionali

 

Il lavoro dell’ufficio stampa editoriale

  • Analisi dei  meccanismi della casa editrice
  • Cooperazione con le altre figure redazionali e il rapporto con gli scrittori
  • La creazione di un caso editoriale

 

Organizzare un evento

  • Progettazione e creazione di un evento; il Business Plan; Marketing e Comunicazione; le tipologie di eventi; come comunicare un evento: promozione, strategie e media planning

 

Esercitazioni:

  • piani di comunicazione giornalistica e integrati; comunicati stampa differenziati (agenzie, TV e radio; internet e web settimanali d opinione; quotidiani e riviste specializzate)

 

 

ATTESTATO E STAGE

Il corso è a numero chiuso: si seguirà un ordine di iscrizione fino a esaurimento posti. Non è richiesto alcun requisito preliminare.

Al termine delle lezioni verrà rilasciato il diploma di frequenza.

Alle fine del corso saranno proposti ai più meritevoli stage curriculari, prove redazionali e segnalazioni  presso: Agenzia letteraria Herzog, Editrice Gaia, Edizioni Esordienti Ebook, Edizioni Cento Autori, Guida Editori, Homo Scrivens, Kühne& Kühne Associati, Libreria Ubik, Pironti, Milena Edizioni e presso il sito di consulenza letteraria Il Rifugio degli Esordienti.

 

I DOCENTI

  • Ugo Ciacco (Homo Scrivens)
  • Giuseppe D’Antonio (editor freelance)
  • Fabrizio Kühne (Kühne& Kühne Associati)
  • Carmen Micillo (Pironti)
  • Aldo Putignano (Homo Scrivens)

 

DURATA, COSTO, FREQUENZA

Laboratorio A, “Il mestiere del libraio”:
16 ore + 4 introduttive e una finale = 22 ore (€300,00 iva inclusa)

Laboratorio B, “Il lavoro redazionale”:
20 ore + 4 introduttive e una finale = 26 ore (€350,00 iva inclusa)

Laboratorio C, “Lavorare nella comunicazione”:
16 ore + 4 introduttive e una finale = 22 ore (€300,00 iva inclusa)

Corso nella sua interezza: lezioni introduttive + laboratorio A, B, C = € 800,00 iva inclusa

Iscrizione A 2 laboratori = €500,00 iva inclusa

Frequenza: tutte le lezioni si terranno dalle ore 17.00 alle ore 19.00

Sede delle lezioni: Ass. “Obiettivo Napoli Onlus”, Via Enrico Cosenz, 55

 

INFO

Per informazioni: Agenzia letteraria Herzog – 06 77591192; info@herzog.it
referente Napoli:
Celeste Napolitano: 320 1651353; celeste_napolitano@libero.it
referente Roma:
Francesca Buratti: 06 77591192; 347 0127153; francescaburatti@libero.it

Lascia un commento